Come fare il bagno al gatto (senza perdere un occhio!)

Condividi su

Se il tuo gatto ha problemi di pulci, è senz’altro ora di fargli il bagno! Ma se sei alle prime armi o non sai bene quello che stai facendo, rischi di commettere qualche errore imperdonabile. Scopri come si può fare il bagno ai gatti senza traumatizzarli.

Gatto avvolto in un asciugamano dopo il bagnetto

Perché fare il bagno al gatto?

Le pulci possono irritare la cute del gatto e spingerlo a leccarsi e grattarsi eccessivamente, cosa che, a sua volta, lo rende più esposto alle infezioni. I parassiti possono anche causare reazioni allergiche, anemia e trasmettere le tenie (se una pulce infetta viene ingerita dal gatto durante la toeletta). Puoi cercare di evitare le infestazioni usando regolarmente uno dei trattamenti antipulci per gatti a tua disposizione, tra cui spot-on (prodotti in gocce), collari antipulci per gatti, spray e compresse.

Ma se il tuo piccolo amico è già stato preso di mira dai parassiti e ha una grande infestazione, allora uno dei primi rimedi contro le pulci del gatto potrebbe essere usare uno shampoo antipulci, facendogli il bagno.


Prepararsi all’azione

Sapere come fare il bagno al gatto è essenziale. Per evitare che il bagnetto si trasformi in un campo di battaglia non puoi lasciare nulla al caso.

È una buona idea prima tagliare (o far tagliare) le unghie dell’animale, in modo da proteggere le tue braccia da eventuali graffi, e in alcuni casi pettinargli il mantello prima di bagnarlo.

Se utilizzi una vasca da bagno, ricordati di rivestire il fondo con una superficie antiscivolo per evitare scivoloni, con conseguente stress o rischio di lesioni. Tieni a portata di mano molti asciugamani e, se puoi, recluta un “assistente” che possa aiutarti nell’impresa, magari distraendo il gatto con dei giochini o del cibo. Mantieni la calma e non urlare. Se vedi che la situazione sta degenerando o che il tuo gatto ti sembra troppo stressato, non continuare.


L’ora del bagnetto: come lavare un gatto

Riempi la vasca con circa 10 cm d’acqua calda. Con le mani e molta delicatezza, inizia a bagnare il gatto intorno al collo, ma fai il possibile per non bagnargli la testa (sarebbe il modo migliore per traumatizzarlo e farlo arrabbiare!). Le pulci inizieranno a spostarsi in massa verso le zone del gatto ancora asciutte, quindi introduci il gatto nella vasca parlandogli dolcemente e rassicurandolo.

Invece di metterlo sotto il flusso diretto dell’acqua, continua a bagnarlo a poco a poco con le mani. Quando è tutto bagnato, insaponalo con lo shampoo antiparassitario fino a formare una leggera schiuma: massaggia sempre in direzione del pelo (come se lo stessi accarezzando) e assicurati di raggiungere anche le parti meno accessibili del gatto (come l’addome o la zona genitale). È molto importante usare uno specifico trattamento antipulci per gatti, dato che alcuni prodotti antipulci per cani potrebbero essere pericolosi per i felini.


L’asciugatura

Procedi rapidamente ma senza agitarti: per il tuo gatto, meno dura il bagnetto meglio è! Dopo averlo insaponato a dovere, risciacqualo accuratamente e avvolgilo subito in un asciugamano soffice e assorbente. Poi continua ad asciugarlo con un altro telo asciutto. Non cedere alla tentazione di usare un asciugacapelli: genererebbe troppo calore e farebbe troppo rumore. Ricorda che in questo momento al tuo gatto risulterà già piuttosto difficile riuscire a perdonarti per averlo messo in acqua, non vorrai peggiorare la situazione trasformandolo in una palla di pelo vaporoso e démodé?


Strategia a lungo termine

Lavare un gatto non è piacevole per nessuno. Quindi usare regolarmente un trattamento antipulci per gatti è il modo migliore per proteggerlo da un’infestazione di pulci (e anche dalla temibile vasca)!

Per evitare la furia di un gatto insaponato basta proteggerlo regolarmente con prodotti antiparassitari specifici.


Articolo a cura della Redazione di Animalidacompagnia.it, Dott.ssa Monica Viacava


Condividi su