Guida alle razze canine: cani di taglia piccola

Condividi su

Hai deciso di adottare un cane di razza e ne stai cercando uno di piccole dimensioni? Ecco una breve rassegna dei tratti fisici e caratteriali delle principali razze di cani di taglia piccola per facilitarti nella scelta.

cani di taglia piccola

I cani di taglia piccola sono quelli con un peso medio inferiore ai 10 kg circa, una caratteristica che li rende più semplici da gestire, dal momento che necessitano di meno spazio, non richiedono grandi somme per il loro mantenimento e sono più comodi da portare sempre con sé. Infatti, a differenza di quelli più grandi, i cani di taglia piccola sono generalmente accettati nei luoghi pubblici, negli alberghi e sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza, quali treni e aerei.

Ottimi per la guardia, hanno una personalità molto spiccata (sono affettuosi e intelligenti, ma possono essere anche testardi e irascibili), amano muoversi e generalmente vivono piuttosto a lungo. Sono tuttavia molto esigenti, soprattutto i soggetti molto piccoli (ovvero quelli con un peso inferiore a 3 kg, come il Chihuahua), che sono particolarmente delicati e bisognosi di attenzioni e cure continue.

Ecco una breve panoramica delle razze di cani di taglia piccola più conosciute.


Chihuahua

Il Chihuahua è originario dell’omonima regione del Messico settentrionale, ove si ritiene fosse presente già all’epoca degli Aztechi. È la razza più piccola al mondo, molto apprezzata come animale da compagnia e da appartamento.

Caratteristiche fisiche: i Chihuahua hanno un’altezza media di circa 20 centimetri e un peso compreso tra 1,5 e 3 kg. Il fisico è compatto e robusto, con pelo generalmente corto di varie tonalità. Il cranio è proporzionato, di forma rotonda, con orecchie grandi e distanziate, rivolte verso l’esterno.

Carattere: attento, vivacissimo, molto intelligente e dotato di grande memoria. Nonostante la taglia, il Chihuahua è coraggioso e indipendente. Si tratta tuttavia di un cane molto sensibile, che manifesta l’entusiasmo o il nervosismo abbaiando e mostrando un temperamento da cane da guardia.

Ambiente ideale: appartamento. È una razza che patisce il freddo e le basse temperature.

È il cane ideale per: famiglie o padroni single, in virtù della sua adattabilità. Ama essere viziato, ma non deve essere assecondato troppo e tenuto sempre in braccio, perché rischia di diventare ingestibile e sviluppare problemi comportamentali da mancata socializzazione o adattamento al contatto con i diversi stimoli esterni.


Beagle

Originario della Gran Bretagna, ove è stato selezionato per la caccia alla lepre, è un segugio da muta con un’indole allegra che oggi lo rende un perfetto animale da compagnia. Date le sue qualità di razza, è ancora utilizzato come cane da fiuto (per sostanze stupefacenti, esplosivi, infestazioni di insetti) e il suo istinto alla caccia è così forte che talvolta può ignorare il richiamo del padrone per seguire una traccia olfattiva.

Caratteristiche fisiche: ha un’altezza media di circa 34 centimetri e un peso compreso tra 8 e 15 kg. Il corpo è compatto e robusto, con il cranio leggermente a cupola, caratterizzato da orecchie pendenti lunghe e fini, e il pelo folto e corto con qualità impermeabili.

Carattere: energico, sveglio, vivace, affettuoso, molto amante della compagnia.

Ambiente ottimale: campagna, preferibilmente. Può vivere anche in città, a condizione che possa muoversi molto. Poiché in casa si dimostra educato e affettuoso, il Beagle è un cane adatto alla famiglia, di cui è felicissimo di fare parte. La tendenza a giocare saltando e mordendo può però non essere compatibile con i bambini molto piccoli.

È il cane ideale per: un padrone attivo, anche anziano, e soprattutto paziente e con a disposizione del tempo per fare lunghe passeggiate e attività fisica. Poiché non ama stare da solo, non è un cane adatto a chi resta fuori casa tutto il giorno.


Pinscher nano

L’origine del Pinscher nano risale al XVI secolo. Si tratta di un cane molto attivo e sveglio, con un atteggiamento simile a un bambino curioso, spericolato e un po’ prepotente; se non sorvegliato e gestito correttamente, questo temperamento lo spinge a diventare un piccolo despota. Inoltre, la sua innata diffidenza va mitigata con un’intensa socializzazione affinché non sfoci in aggressività.

Caratteristiche fisiche: ha un’altezza media di 30 cm e un peso compreso tra 4 e 5 kg. Ha il muso corto e sottile, con orecchie grandi, e un pelo duro e lucido, ben aderente al corpo. Piccolo, compatto, proporzionato, caratterizzato da un’andatura elastica e fluente e da un aspetto raffinato, il Pinscher nano è un cane molto elegante, quasi come un Dobermann in miniatura, anche se non ha alcun legame con tale razza.

Carattere: dinamico, vigile, tendenzialmente prepotente, attivo, energico, coraggioso e curioso. Queste caratteristiche lo rendono ottimo per la guardia. Inoltre, è un cane fedele e affettuoso.

Ambiente ottimale: appartamento in città o casa di campagna, a condizione che sia sempre ben riscaldata poiché, per il suo pelo fine, il Pinscher nano soffre il freddo. È adatto anche a una famiglia con bambini, ma i piccoli devono trattarlo con cura, poiché può mordere se provocato.

È il cane ideale per: un padrone sicuro di sé ed esperto, capace di gestire una razza così vivace, bisognosa di compagnia e di sorveglianza. Infatti, il Pinscher nano tende a scappare e va quindi sempre controllato con attenzione.


Yorkshire Terrier

Originario della contea dello Yorkshire, in Inghilterra, dove veniva utilizzato come cacciatore di topi o come cercatore nelle miniere di carbone. Nonostante la taglia ridotta, lo Yorkshire ha tutti i tratti distintivi del Terrier.

Caratteristiche fisiche: ha un’altezza media di 22 cm e un peso compreso tra 2 e 3,2 kg. Il pelo (blu-acciaio, a eccezione di testa e torace che sono di colore marrone rossiccio) è quasi completamente privo di sottopelo, mentre quello di copertura, lungo e ricco di sebo (grasso), tende ad annodarsi e infeltrirsi in modo permanente; per questo è un cane che va curato con regolarità.

Carattere: vivace, attivo e fedele. È ottimo per la guardia, la caccia e in generale la compagnia. La sua indole esuberante richiede esercizio e attività mentale costanti. Può diventare aggressivo con i cani più grandi.

Ambiente ottimale: appartamento (ma necessita di uscite all’esterno e di tanta attività fisica) o casa di campagna, in cui deve essere tuttavia ben sorvegliato, poiché tende a inseguire gli animali selvatici.

È il cane ideale per: un padrone adulto o una famiglia attenta, preferibilmente con bambini non piccoli, poiché può mordere se stuzzicato o manipolato in modo inappropriato. Dato che necessita di attenzioni costanti e movimento, lo Yorkshire Terrier è adatto anche per una persona anziana, purché dallo stile di vita attivo.


Articolo a cura della Redazione di Animalidacompagnia.it, Dott.ssa Monica Viacava

Condividi su