Sette consigli per la toelettatura dei cani in casa

Condividi Su

Prenditi cura della salute e dell’aspetto del tuo amico a quattro zampe con i nostri consigli per la toelettatura dei cani, dal bagno alla cura del pelo.

Il proprietario sta tagliando il pelo dei cani Pomerania con le forbici

La pulizia e la toelettatura sono molto importanti per i cani di tutte le razze: servono per mantenere il mantello pulito e lucente, ma anche per accorgersi di eventuali infestazioni di parassiti o di problemi alla cute. Inoltre, ti permettono di condividere momenti con il tuo cane che rafforzarono il vostro legame. Le caratteristiche del mantello sono molto variabili e la cura varia in funzione di tali aspetti.

Infine, non bisogna dimenticare di tagliare le unghie ai cani.

È consigliabile rivolgersi a un professionista, soprattutto per il taglio delle unghie o la tosatura del pelo, ma con i nostri sette consigli potrai occuparti della pulizia del pelo del cane anche a casa tua.


1. Spazzolare il cane regolarmente

Indipendentemente dalla razza, i cani devono essere spazzolati regolarmente per avere un mantello lucente e setoso.

La frequenza dipende dalla lunghezza e dalla tessitura del pelo: nelle razze canine a pelo raso e cortissimo (come il Bassotto, Dobermann, Boxer e Alano). Il ricambio di pelo è costante durante l'anno. Il pelo si presenta fitto ed è opportuno spazzolarli con guanto antistatico ed effettuare un bagno ogni due o tre mesi per assicurare un’adeguata pulizia.

Il mantello a pelo corto è poco più lungo di quello a pelo raso ed è tipico di razze come Labrador, Fox terrier e Rottweiler. In questo caso, l’utilizzo di un guanto antistatico può essere associato a un pettine a denti corti, ma ben fitti. Il pelo corto e folto necessita quindi di strumenti diversi rispetto al pelo raso: per togliere i nodi meglio usare una spazzola ad aghi sottili e morbidi, un paio di volte alla settimana, passando subito dopo anche una spazzola di setole per eliminare eventuale sporco restante.

Nella tipologia di mantello a pelo semilungo, in cui è compreso il maggior numero di razze (Pastore tedesco, Terranova, Samoiedo, Husky, ecc.), la cura del pelo è più impegnativa: vi è il pelo di copertura più o meno lungo e impermeabile, associato a un sottopelo di misura inferiore, ma fitto e lanoso, in grado di mantenere la temperatura corporea dell’animale.

Per i cani a pelo lungo, nodi e grovigli di pelo possono essere dolorosi, spingendoli a leccarsi o mordersi in corrispondenza dell’irritazione (con il conseguente rischio di infezioni cutanee). Inoltre, corpi estranei (ad esempio i forasacchi, piccole spighe delle graminacee) possono intrufolarsi nei grovigli e nelle orecchie andando a finire sottopelle causando ascessi e complicanze anche più gravi.

Spazzolare il cane regolarmente, previene tutti questi problemi.


2. Taglia il pelo del cane

La maggior parte dei proprietari preferisce rivolgersi a un professionista specializzato per tosare il cane. In particolare, accorciare il pelo intorno agli occhi del cane serve a impedire che il pelo in eccesso riduca il suo campo visivo o danneggi gli occhi, mentre sfoltire il pelo all’interno delle orecchie del cane serve a migliorare la circolazione dell’aria e aiuta a prevenire le infezioni.


3. Taglia le unghie del tuo cane in sicurezza

La maggior parte dei cani non ha bisogno del taglio delle unghie, in quanto camminare regolarmente su superfici dure le aiuta a mantenersi della lunghezza ideale.

Tuttavia, potrebbe essere necessario accorciarle, soprattutto se senti il rumore delle unghie sulle superfici dure della tua casa. Non è una questione estetica, eviterà al tuo cane i fastidi procurati da unghie eccessivamente lunghe.


4. Controlla la cute del cane

Le malattie cutanee di natura allergica sono piuttosto comuni nei cani e l’irritazione che causano li porta a grattarsi, leccarsi o mordersi costantemente la zona colpita.

Abituati a controllare sempre la cute durante la pulizia del pelo del cane. Scorri le dita tra il pelo dell’animale, tastando la pelle per rilevare l’eventuale presenza di noduli o protuberanze. Separa anche il pelo per poter vedere meglio se sono presenti ferite, arrossamenti, eruzioni, zone prive di pelo o infestazioni di parassiti.


5. Rilassamento e toelettatura del cane

Molti cani, soprattutto i cuccioli, hanno bisogno di incoraggiamento e di rinforzo positivo per sentirsi a proprio agio durante le prime sessioni di toelettatura.

Con questi consigli andrà tutto per il verso giusto:

• su una superficie lavabile, spalma del cibo commestibile e permetti al cane o al cucciolo di leccarlo mentre lo stai pettinando o lavando;

• non avere fretta e offri molti bocconcini e tanti elogi al cucciolo, in modo che abbia un buon ricordo della prima sessione di pulizia e non veda l’ora che arrivi la prossima;

• prima di fare il bagno al cane, assicurati di aver messo sul fondo della vasca una superficie antiscivolo per evitare slittamenti ed eventuali traumi.


6. Controlla regolarmente le orecchie del tuo cane

Durante la toelettatura del cane ricordati di prestare particolare attenzione alle orecchie dell’animale. Le otiti possono essere molto dolorose nei cani, quindi porta subito il tuo amico a quattro zampe dal veterinario per un controllo se noti alcuni dei comportamenti elencati qui di seguito,:

- la parte interna dell’orecchio è infiammata o umida;

- le orecchie sono maleodoranti;

- il cane scuote la testa o si gratta costantemente le orecchie;

- le orecchie contengono più cerume del solito o presentano secrezioni insolite (ricorda che è normale che ci sia un po’ di cerume);

- il cane geme o guaisce quando gli esamini le orecchie.


7. Non lavare il tuo cane troppo spesso

La maggior parte dei cani deve essere lavata solo ogni due mesi per prevenire problemi di igiene o cattivi odori. Fare il bagno al cane con maggior frequenza spesso ha conseguenze negative, perché altera l’equilibrio del microambiente cutaneo. Se il tuo cane emana un cattivo odore, ma non si è rotolato in nessun luogo strano, rivolgiti al tuo veterinario per assicurarti che non ci siano infezioni della cute o malattie dentali.


Consigli per quando si tratta di fare il bagno al cane

La cute del cane ha un pH diverso da quello degli esseri umani, quindi non usare mai degli shampoo a uso umano (nemmeno quelli delicati per bambini). Scegli un prodotto con una formula specifica per non irritare la cute del cane, come gli shampoo della linea Sano e Bello.

• Lava il cane con acqua tiepida avendo cura di evitare gli occhi, la bocca e la parte interna delle orecchie. Quando è completamente bagnato, insaponalo.

• Risciacqualo con acqua tiepida e poi lascia che si scuota da solo, asciugalo con un asciugamano assorbente e con molta delicatezza, oppure usa un asciugacapelli impostato alla temperatura più bassa.

Una toelettatura del cane regolare, bagni periodici e controlli costanti della cute e delle orecchie aiuteranno il tuo migliore amico a restare in salute e gli dimostreranno quanto lo ami, senza contare che trascorrerete tanto tempo prezioso insieme.


Articolo a cura della Redazione di Animalidacompagnia.it, Dott.ssa Monica Viacava


Condividi su

Karma metrix

Energy Efficent Website

KM - 134

Data di autorizzazione: settembre 2021

© 2022 Elanco or its affiliates.